COPERTURE ASSICURATIVE

Domanda

E' possibile imputare al bilancio dell'Ente le polizze stipulate a copertura della responsabilità amministrativa e amministrativa-contabile dei propri dipendenti?

Risposta

La disposizione dell'art. 65, comma 1 del CCRL 01.08.2002 che legittima la posizione dell'Ente ad assumere "le iniziative necessarie per la copertura assicurativa della responsabilità civile e amministrativa dei dipendenti ai quali è attribuito uno degli incarichi di cui all'art. 31, ovvero altre figure professionali con elevata responsabilità da individuare in sede di contrattazione decentrata ivi compreso il patrocinio legale, salvo le ipotesi di dolo e colpa grave", prevede che è ammessa la copertura assicurativa a carico dell'Ente locale della responsabilità civile, amministrativa e del patrocinio legale dei dipendenti ai quali è attribuita una posizione organizzativa o alle altre figure professionali con elevata responsabilità e afferma che in questi casi le risorse finanziarie destinate a tale finalità sono indicate nei bilanci, nel rispetto delle effettive capacità di spesa. Viene invece esclusa la copertura assicurativa nelle ipotesi di dolo o colpa grave. 
Pertanto dal confronto tra il contratto nazionale e quello regionale emerge che il CCRL 01.08.2002, prevede una disciplina più ampia dell'estensione della copertura assicurativa includendovi anche quella per responsabilità amministrativa. 
Invero, la giurisprudenza amministrativa consolidata, pur non facendo espresso riferimento e non riguardando la specifica disposizione del CCRL 01.08.2002, esclude la possibilità che l'Ente possa assicurare i propri dipendenti in quanto in tal caso si configurerebbe la deresponsabilizzazione (amministrativo-contabile) della classe dirigente e politica dell'Ente o comunque dei suoi dipendenti. 
Pertanto, in presenza di una disposizione contrattuale vigente e quindi astrattamente applicabile, ma in contrasto con una posizione giurisprudenziale, a tal punto consolidata da considerarsi come principio cui informare l'azione amministrativa, questa Agenzia suggerisce una prudente applicazione dell'art. 65 CCRL 01.08.2002. 
Contestualmente si ritiene di dover rinvenire una ipotesi di modifica della disposizione richiamata, più aderente alla giurisprudenza consolidatasi sul punto e ciò in previsione della sottoscrizione del prossimo contratto di comparto. 
Per ultimo a mero contributo interpretativo si riportano alcune sentenze della Corte dei Conti che stabiliscono la non assicurabilità a carico dell'erario pubblico del rischio costituito dall'eventuale condanna di amministratori o dipendenti pubblici per i danni che abbiano causato all'ente di appartenenza (o ad altre ente) con il proprio comportamento gravemente colposo : 

  • Corte dei conti, SS.RR., 05.04.1991, n. 770/A; 
  • Corte dei conti, sez. Lazio, 12.02.1997, n. 12; 
  • Corte dei conti sez. Friuli Venezia Giulia, n. 489/EL/2000 del 06.06.2000; 
  • Corte dei conti sez. giur. Lombardia, n. 942 del 09.05.2002; 
  • Corte dei conti sez. giur. Puglia, n. 582 del 2 agosto 2005; 
  • Corte dei conti sez. giur.  Friuli Venezia Giulia, n. 519 del 19 luglio 2005. 


(ultimo aggiornamento: 28/02/2010)